La Chiesa di San Carlo

Nella omonima frazione, a circa  due chilometri dal centro del paese, si trova la   cappella   di   San   Carlo, una tra le  più   antiche   “chiese   campestri”   del   territorio   di Costigliole; la sua costruzione risale al 1620 e nel 1683 ne fu autorizzato l’ampliamento da parte del Vescovo di  Pavia Mons.  Lorenzo  Trotti.   I  lavori  ebbero  termine nel  1699  e  la  benedizione risale al 1706.  La chiesa risulta interessante per le opere artistiche che custodisce.

L’altare, realizzato tra il 1730 ed il 1732, con decorazioni in stucco, è opera di Antonio Catenazzi da Mendrisio, importante stuccatore luganese attivo nell’astigiano tra gli anni venti e trenta del settecento (sue opere a Palazzo Mazzetti di Asti, al Castello di San Martino Alfieri e in alcune chiese a San Damiano d’Asti, Montechiaro d’Asti e Montafia). Al centro dell’altare è collocata una  tela   raffigurante   San   Carlo Borromeo  in   preghiera, pregevole opera risalente anch’essa agli anni trenta del XVIII secolo, attribuibile al pittore Michele Antonio Milocco, artista torinese collaboratore del Beaumont, autore di molte opere a soggetto sacro e profano, tra le quali la volta del vecchio Teatro Regio di Torino.

Sono presenti anche due dipinti murali: a sinistra, nella navata, a raffigurare San Defendente, a destra San Bovo, realizzati   tra il 1697 e il 1698  e  attribuiti   ai pittori costigliolesi Secondo e Caterina   Arellano, padre e figlia.

Tra gli arredi presenti nella chiesa, si segnalano l’elegante cantoria lignea ottocentesca situata sulla porta d’ingresso, un confessionale coevo ed un bel mobile ad alzata, con ante  e  cassetti,   che  arreda   la   piccola sacrestia. Dell’originario altare ligneo rimane la sola portina del tabernacolo in quanto, insieme alla balaustra, venne smantellato nel 1970.

La chiesa e le opere in essa contenute sono oggetto di un’accurata attività di recupero e restauro avviata nel 2007, su progetto dell’architetto Fiorenzo Baldi, con lavori approvati e seguiti dalle competenti Soprintendenze ed eseguiti dai restauratori Nicola-Ilengo e Giuseppe Lucia con co-finanziamento della Fondazione CR Torino. A supporto è stato costituito il “Comitato per il restauro della chiesa di san Carlo di Costigliole d’Asti Onlus”, che si occupa del reperimento delle fonti finanziarie per il restauro.

LA CHIESA SI PUO' VISITARE SU PRENOTAZIONE CHIAMANDO IL 347/6510207

Risultati immagini per CHIESA DI SAN CARLO COSTIGLIOLE

 

 

 

Comune di Costigliole d'Asti utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento