Bricco Lù

Uno dei luoghi più suggestivi del Monferrato è il Bricco Lù, che domina tutto il paesaggio circostante. 

Sul Piazzale, vi è una scultura dedicata alla Donna Contadina, per ricordare il coraggio e il lavoro delle donne, che ha consentito di salvaguardare la vita della cascina, anche nei momenti di difficoltà.



La leggenda di Bricco Lù

Viveva in un cascinale del Bricco Lu, uno sfortunato giovane di nome Poldo, innamorato di Gentucca, bellissima fanciulla.

Quando la sua amata raggiunse l'età da marito, numerosi erano i pretendenti. Nell'incertezza  il padre convocò tutti gli aspiranti alla mano della figlia per la fiera di San Lorenzo dell' 11 Agosto, promettendola in sposa a colui
che si fosse presentato con la miglior coppia di buoi.

Poldo era povero e non sapendo a chi chiedere aiuto, nella disperazione invoca il diavolo e questi apparve.

Stretto il patto, Poldo si trova subito in mezzo alla fiera con la più superba  coppia di buoi aggiogati ad un rosso carro e fra le mani un "pungolo d'oro".

Poldo sposò Gentucca e la portò nella sua casa di Bricco Lu dimenticando il triste patto.

Trascorso un anno , nella notte di San Lorenzo il diavolo torna ad esigere l'anima che Poldo gli aveva promesso.

Il silenzio della notte fu rotto da un boato e duna voragine ingoia Poldo ,i buoi stregati , il carro e il "Pungolo d'oro".

Gentucca , folle di dolore, morì ma il suo spirito non placato ritorna  sempre la notte di San Lorenzo a ricercare lo sposo rapitole dal demonio.

 

Comune di Costigliole d'Asti utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento